Bus Company fa dietro front: i bus tornano a circolare in paese.

0
409
Uno scorcio di Arquata Scrivia

A seguito una mobilitazione tramite mail bombing, cioè un “bombardamento” di email indirizzate a Bus Company e al Comune, la Compagnia che gestisce il servizio pubblico dei trasporti ad Arquata Scrivia, ha stabilito di ripristinare le fermate degli autobus che erano state precedentemente cancellate, costringendo così gli utenti ad utilizzare la sola fermata davanti alla stazione ferroviaria, creando così molti disagi.  Erano state sospese le soste di Via Roma, Via Villini, Piazza Caduti e Viale Italia; dal  2 marzo tutto tornerà nella normalità. La mobilitazione lanciata da Antonella Sodini ha avuto successo. Bus Company ha comunicato la retromarcia informando che riguardo alla linea 36 Novi Ligure – Arquata/Gavi sarà ripristinato il transito ad Arquata piazza Caduti, con medesimo percorso così come svolto in passato; tutte le corse, anche quella da e per Gavi transitano all’interno dell’Outlet, eccezione per alcune corse scolastiche;  revisione dei tempi di percorrenza , ma invariato il sistema di  coincidenze a Libarna; tutte le partenze tengono conto degli orari dei treni  a Novi, Arquata e Serravalle, con margini sufficientemente ampi per garantire le coincidenze; le fermate principali disporranno di QR code per conoscere i passaggi in tempo reale.

“Arquata non è un dormitorio – dice Antonella Sodini ringraziando tutte le persone che hanno contribuito al successo dell’iniziativa. – Quando si è uniti i risultati arrivano”.