Le Giornate FAI di Primavera al Polo culturale tortonese

0
185
Resti Romani palazzo Guidobono

Quest’anno le Giornate FAI di Primavera si svolgeranno oggi, sabato 15 e domani, domenica 16 maggio, raccontando un’Italia che si riconosce sempre  di più nella vastità del suo patrimonio ambientale, paesaggistico e culturale.

sarcofago Palazzo Guidobono
Il sarcofago di Publio Elio Sabino

La Delegazione FAI di Tortona, con i delegati e i volontari, organizza una visita del “Polo Culturale Tortonese”,  sabato 15  (pomeriggio dalle 15 alle 17,30) e domenica 16 maggio (dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17,30).  Il punto di accoglienza  è la piazza  del ex-Convento dell’Annunziata e da lì si procederà verso il Teatro Civico e il Ridotto, dove si potrà ammirare l’unico e prezioso sipario che sarà eccezionalmente visibile durante questo evento.

 

Dal Ridotto del Teatro si passerà alla Biblioteca Civica “Tommaso de Ocheda”, dove è possibile ammirare due opere di importante valore quale “La Sete dei Tortonesi”, un olio di Andrea Gastaldi e i resti di un affresco proveniente dal portico dell’Annunziata e raffigurante San Rosso, Sant’Antonio Abate e San Michele.  Da ultimo a Palazzo Guidobono, dove si potranno visitare le sale al piano terra del Museo Archeologico in allestimento e dove, tra le opere di maggior pregio e rilevante interesse, sono il Sarcofago di Publio Elio Sabino, seconda metà del III secolo d.C. e il reliquario del XII secolo ornato di Santi e Martiri. Concluderemo la visita al primo piano dove si trovano le Raccolte Civiche, di cui fanno parte opere di pittori locali dal XVI al XX secolo, molte delle quali visibili per la prima volta.

Le visite, nel rispetto delle norme di sicurezza sanitaria e della normativa vigente, saranno su prenotazione obbligatoria con un contributo libero suggerito a partire da 3 euro che andrà a sostenere le attività istituzionali del FAI.

ex convento dell'Annunziata
L’ex convento dell’Annunziata

“Sarà anche l’occasione per provvedere al rinnovo della tessera FAI e per chi non è ancora iscritto l’occasione per iscriversi con quote agevolate – dice il capo delegazione di Tortona Piero Massiglia -. Inoltre, con questo evento, il FAI desidera rinnovare la propria gratitudine nei confronti dei medici, infermieri e personale sanitario offrendo loro la tessera d’iscrizione annuale, presentando i documenti attestanti la propria professione (tesserini di appartenenza agli ordini, badge)  presso i Beni FAI o durante le Giornate FAI”.

Le prenotazioni si potranno effettuare sul portale: www.giornatefai.it , cercando “Polo Culturale Tortonese” oppure  sul link: https://faiprenotazioni.fondoambiente.it/evento/polo-culturale-tortonese-38586 , entro e non oltre la mezzanotte del giorno precedente la visita e sino ad esaurimento posti. La prenotazione serve per monitorare la disponibilità dei posti onde evitare assembramenti e per prendere anche visione della normativa richiesta sulla sicurezza. Il FAI fornirà ai visitatori un’informativa comprendente tutte le misure di sicurezza predisposte per la visita.

La prenotazione è “consigliata” per avere la certezza di poter accedere al luogo.

“Come sempre, tutti i delegati e i volontari della nostra Delegazione sono a completa disposizione – dice Massiglia – sia per accogliervi al vostro arrivo nell’area ricezione  e sia per darvi tutte le informazioni necessarie ed utili per una visita in completa sicurezza. Ringraziamo da subito tutti coloro che permettono lo svolgersi dell’evento “Giornate FAI di Primavera 2021”, vale a dire il sindaco Federico Chiodi, il vice sindaco e assessore alla Cultura Fabio Morreale, il presidente del Consiglio comunale Giovanni Ferrari Cuniolo e tutti gli amici e i volontari della Biblioteca, del Teatro Civico e di Palazzo Guidobono, che saranno anche tra i narratori/ciceroni dei luoghi. Inoltre, ringraziamo per la collaborazione e l’assistenza la Croce Rossa Italiana – Comitato di Tortona,   l’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia – Sezione di Tortona e la Protezione Civile – Città di Tortona, che ci affiancano per la buona riuscita dell’evento. Abbiamo bisogno di sentirvi vicini, anche alla “giusta distanza”, per continuare insieme a impegnarci per la tutela della nostra eredità più preziosa: questa straordinaria ITALIA fatta di luoghi e persone uniche al mondo che merita tutto il nostro AMORE”.