Ancora furti in Val Borbera. I ladri vanno a “far visita” al parroco di Mongiardino Ligure

0
652
Canonica e casa di don Firpo a Mongiardino
Don Tino Firpo

Tornano i ladri in Val Borbera. Questa volta vittima del furto è don Tino Firpo, parroco di Mongiardino. Insomma, non c’è proprio rispetto per nessuno. Il fatto è accaduto oggi domenica 4 febbraio tra le undici circa e le tredici.

“Sono certo dell’arco temporale  – spiega don Tino – perché al termine della Messa delle 10 a Mongiardino, sono andato a Clavarezza Valbrevenna dove alle 11 ho celebrato la Messa. Sono rientrato a casa poco prima delle tredici e qui ho trovato questa brutta sorpresa. È chiaro che i ladri hanno scelto di venirmi a far visita di domenica  e a quell’ora, perché evidentemente sanno che non sono in casa ”.

Non è la prima volta che accade, don Tino, nel corso degli anni ha subito ben cinque intrusioni in casa sua, tutti di domenica .

L’inferiata recisa

“Mi hanno rubato solo il computer – prosegue il parroco – ma c’è una tale confusione nell’appartamento che non riesco ancora a rendermi conto di cosa abbiano effettivamente portato via. Di certo nulla di valore, quei pochi oggetti che potevano fruttargli qualche soldo mi erano già stati rubati precedentemente dai loro colleghi. Fortuna che ho l’abitudine di salvare i dati del computer su un dispositivo esterno, così almeno i documenti non li ho perduti”.

Più che arrabbiato, don Tino sembra rassegnato. Nessuno ha visto auto sospette o persone estranee, del resto in frazione Maggiolo di Mongiardino, dove è ubicata la chiesa parrocchiale e la canonica, abitano stabilmente poche persone e nessuna di queste ha sentito nulla, nonostante abbiano usato un flessibile per tagliare le grate e poi infranto i vetri della finestra del primo piano, da cui sono entrati in casa.

La finestra sfondata

“Mi sentivo tranquillo con quelle inferiate posizionate sulle finestre sul retro della casa, mai avrei pensato che addirittura arrivassero a segarle. Non capisco cosa credevano di trovare!  Mettere un antifurto? Sì, certo ci ho pensato, ma ho un vecchio cane e temo che se mai dovesse scattare l’allarme, per lui sarebbe terribile sopportare quel rumore infernale. No, preferisco evitare e sperare che non tornino più. A questo punto si saranno resi conto che non c’è nulla da rubare! “