Dal Governo via libera all’Area Interna Terre del Giarolo

8 milioni di euro per progetti di sviluppo territoriali. Salgono a 6 le Aree interne riconosciute in Piemonte

0
212
Terre del Giarolo - Foto Adriano Giraudo

Terre del Giarolo è una delle due nuove aree interne piemontesi: il Ministero della Coesione territoriale ha dato, nelle scorse ore, il proprio via libera alla candidatura presentata dalla Regione. Insieme all’Area interna della Valsesia, si aggiungerà alle altre quattro già riconosciute sul territorio del Piemonte: Valli Maira e Grana, Valli dell’Ossola, Valle Bormida e Valli di Lanzo.

Val Borbera – Foto Adriano Giraudo

Un traguardo importante che grazie a un primo stanziamento di 8 milioni di euro (quattro da parte del Governo e altri 4 dalla Regione attraverso il Fondo europeo di sviluppo regionale) consentirà di mettere in campo interventi di digitalizzazione ed efficientamento energetico, ma anche progetti su cultura, sanità, istruzione e trasporti per una comunità che coinvolge 29 Comuni: Albera Ligure, Avolasca, Berzano di Tortona, Borghetto di Borbera, Brignano Frascata, Cabella Ligure, Cantalupo Ligure, Carrega ligure, Casasco,  Castellania Coppi,  Costa Vescovato,  Dernice,  Fabbrica Curone,  Garbagna,  Gremiasco,  Grondona,  Momperone,  Mongiardino Ligure, Monleale,  Montacuto, Montegioco, Montemarzino,  Pozzol Groppo,  Roccaforte Ligure, Rocchetta Ligure, San Sebastiano Curone,  Stazzano,  Vignole Borbera,  Volpeglino. A queste risorse potranno in futuro aggiungersi anche altri fondi del Fondo sociale europeo e del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale.

Peschi in fiore in Val Curone

È un riconoscimento importante ed è solo un inizio, sottolineano il Presidente della Regione Piemonte, il Vice Presidente e all’Assessore alla Cultura.  La montagna è uno dei nostri progetti bandiera sui fondi del Pnrr, e non potrebbe essere altrimenti perché in una regione che si chiama Piemonte le nostre vallate sono radici e identità da tutelare e promuovere.    Per l’Assessore all’Agricoltura si tratta di un’importante opportunità di sviluppo per queste nuove aree selezionate e in particolare le Terre del Giarolo nell’Alessandrino, territori rurali marginali a ridosso dell’Appennino attualmente interessati anche dalle criticità dovute alla peste suina e che si caratterizzano per la produzione di molti prodotti tipici agroalimentari di qualità che possono essere sempre di più il traino economico per la popolazione che vive in queste realtà. L’Assessore allo Sviluppo delle Attività Produttive sottolinea invece come  questi accordi aiutano anche gli amministratori locali ad attivarsi su servizi fondamentali per la propria comunità.