Oltregiogo: la Regione interessata alla candidatura a patrimonio dell’umanità

Visita di tre giorni dell'assessore regionale alla Cultura Parigi tra Novese e Ovadese

0
1386
Il castello Spinola di Tassarolo

La Regione potrebbe appoggiare la candidatura del territorio dell’Oltregiogo a patrimonio dell’umanità, per questo oggi e domani e l’11 ottobre l’assessore regionale alla cultura, Antonella Parigi, visiterà luoghi storici, aziende e musei del Novese e dell’Ovadese. “L’associazione Oltregiogo – spiega Dino Angelini, presidente del sodalizio – ha avuto un incontro con l’assessore Parigi il 7 giugno, al fine di coinvolgere la Regione e l’assessorato nel progetto di Tentative List Unesco “Tracce Liguri – Oltregiogo Oltremare”. L’incontro ha portato a un interesse molto importante da parte della stessa, che ha espresso la richiesta di poter conoscere più a fondo il nostro territorio. Si è stilato in collaborazione con la segreteria dell’Assessore un programma di visite sul nostro territorio. Ricordo che è la prima volta che un assessore regionale dedica così tanto tempo a visitare questa zona del Piemonte”.

L’assessore regionale Antonella Parigi e Antoniotto Guidobono Cavalchini

Il tour partirà oggi alle 14 da Novi Ligure con la visita al Museo dei Campionissimi, al Teatro Romualdo Marenco di Novi Ligure e alla Novi Elah Dufour, poi ad Arquata Scrivia con la Casa Gotica e il centro storico. Domani mattina tappa alla Pinacoteca dei Cappuccini di Voltaggio, nel pomeriggio visita al castello dell’Innominato a Casaleggio Boiro e al Museo della Maschera di Rocca Grimalda. Infine, il centro storico di Ovada con, tra l’altro, la Casa Natale di San Paolo e il Museo Maini. A ottobre il tour proseguirà in Val Lemme con il geosito di Carrosio, gli oratori di Gavi, il castello Spinola di Tassarolo e la Casa lunga di San Cristoforo, oltre alla chiesa di Cadepiaggio, dove sono conservati i quadri e gli arredi dell’abbazia di San Remigio, che sarà anch’essa parte del tour. Esclusi dal tour il Forte di Gavi e Libarna poiché già visitati dall’assessore Parigi, che sabato scorso era a Borgo Adorno, in Val Borbera, per l’inaugurazione della casa museo Clement Parrocchetti, voluta da Antoniotto Guidobono Cavalchini nel castello del paese. In quell’occasione, Parigi ha detto: “Sulla cultura e il turismo per la provincia di Alessandria c’è ancora molto da fare. Il problema è che mancano gli interlocutori: sindaci, Provincia o almeno i centri zona”.