A Cosola, nel Comune di Cabella Ligure, sono in programma piste e strade dentro i boschi, per far transitare camion e trattori, con tanto di piazzole, svincoli e teleferiche allo scopo di tagliare sei ettari di alberi per produrre pellet. Il progetto viabilistico presentato dalla Carbotermo di Milano insieme alla Il nocciolo di Alessandria e alla Santa Ildegarda di Vigevano (che riguarda anche il Comune di Carrega Ligure) otterrà fondi dalla Regione ma, come ha fatto notare nei mesi scorsi il Comitato per il territorio delle Quattro Province, la Val Gallina si trova in un’area tutelata poiché, come i versanti dei monti Legnà, Cavalmurone e Porreio, anch’essi interessati, sono classificati come “corridoio ecologico”. A giugno, il comitato aveva sostenuto che “è necessaria una procedura di valutazione di incidenza”, cioè uno studio che indichi le possibili ricadute ambientali dell’intervento. Di recente, la Regione ha risposto alle sollecitazioni del comitato.

I boschi della Val Gallina

Lo ha fatto tramite le Aree protette dell’Appennino piemontese, stabilendo che è “necessario che si proceda alla fase di Verifica di assoggettabilità del progetto alla Procedura per la Valutazione di incidenza”. “I progettisti – spiega Giuseppe Raggi, esponente del comitato – dovranno produrre documenti che consentano di capire se gli impatti ambientali del progetto (che, ricordiamoci, la Regione dovrebbe anche sovvenzionare con un ingente contributo) siano tali da richiedere ulteriori approfondimenti”. C’è un altro aspetto: il 21 luglio il comitato aveva segnalato la realizzazione di strade e piste forestali sotto l’antica chiesetta di Sant’Antonio a Cosola. Il Comune di Cabella ha risposto che “non è pervenuta alcuna richiesta di titolo autorizzativo”. L’ente, sostiene Raggi, “però non ci spiega se consideri necessarie o non necessarie tali richieste”. Le aree interessate dal taglio del boschi e dalle strade si trovano a ridosso delle zone speciali di conservazione Antola Carmo Legnà ed Ebro-Chiappo, istituite dall’Unione europea.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSei cicogne sulla torre del castello di Castelnuovo Scrivia
Articolo successivoPasserà anche da Tortona e Volpedo il Cammino di San Michele