Conoscere il lupo e l’ambiente montano dove vive per diventare uno Young Ranger.

Progetto didattico delle Aree protette dell’Appennino Piemontese dedicato al predatore e rivolto a famiglie e scuole.

0
303

Un distintivo da giovane ranger per i bambini dalle Aree protette dell’Appennino Piemontese. L’ente di Bosio lancia il progetto didattico Young Ranger, ideato nell’ambito del progetto europeo Life WolfAlps Eu per far conoscere ai più piccoli e alle loro famiglie il lupo e l’ambiente montano in cui vive. “La filosofia è quella di coinvolgere le nuove generazioni con un percorso di informazione didattica e di impegno attivo nella protezione dell’ambiente – sostengono da Bosio -. I bambini potranno partecipare al percorso per diventare “Young Ranger” visitando i territori delle Aree Protette, dei musei o dei centri faunistici aderenti. Riceveranno il distintivo da Young Ranger, il libretto delle attività dedicato al lupo e un passaparchi, cioè una sorta di passaporto delle Aree Protette; riceveranno inoltre per ogni Parco il timbro che attesta la visita e un poster/gioco per conoscere gli aspetti naturalistici del territorio”.

Nel libretto delle attività gli iscritti troveranno informazioni sotto forma di giochi sulla fauna presente nel territorio, sulla storia del lupo e su come sceglie le sue prede, sulle misure di protezione del bestiame e sui miti e le leggende sul predatore. “Per essere quindi un vero Young Ranger – dicono dalle Aree protette – è necessario avere conquistato il distintivo, aver visitato qualche Area Protetta, aver risolto i giochi del “Libretto delle Attività” ma soprattutto impegnarsi a fare del proprio meglio per proteggere l’ambiente”. Sul sito www.areeprotetteappenninopiemontese.it i contatti con le guide delle aree protette coinvolte e il materiale del progetto da scaricare