Undici eventi musicali e teatrali in altrettanti paesi dell’Oltregiogo e una grande mostra su una famiglia di artisti legata al territorio. Il progetto “La terra dei Carlone” è stato presentato ieri a Parodi Ligure, nell’abbazia di San Remigio, dall’associazione Oltregiogo, promotrice dell’iniziativa. ““La terra dei Carlone” – hanno detto Bruno Merlo, sindaco di Parodi, e Dino Angelini, presidente dell’Oltregiogo – sarà una sorta di tour nel nostro territorio tra storia e cultura, per riscoprire la nostra identità. Saranno coinvolte anche le scuole e le attività ricettive locali”. “Oltre Cinquecento anni fa – spiegano dall’associazione – si insediò nel territorio dell’Oltregiogo una straordinaria famiglia di scultori, architetti e pittori che per oltre un secolo produssero opere d’arte richieste a livello internazionale. La famiglia dei Carlone, provenienti da Rovio, ma presto annoverata come genovese, si insediò in questi territori diventando un punto di riferimento imprescindibile per i più importanti committenti non solo della Superba, ma di tutto il territorio della Repubblica.

La presentazione del progetto a San Remigio

Da stranieri diventarono cittadini illustri imparentandosi con le più importanti famiglie locali e rivestendo importanti incarichi pubblici; tra loro si ricordano gli scultori Taddeo e Tommaso e i pittori Giovanni, Giovanni Battista e Andrea, tutti attivi non solo nei territori della Repubblica ma a Torino, Milano, Firenze, Perugia e Roma dove riscossero sempre importanti riconoscimenti”. Fra i nomi inseriti nel ricco calendario, al via il 30 giugno, Marco Paolini e Andrea Scanzi, il Rondò veneziano e Gianni Coscia. A livello locale, il Teatro del Rimbombo e l’Orchestra classica di Alessandria. Nella mostra, aperta dal 29 giugno al primo settembre, si potranno ammirare oltre trenta opere tra disegni, progetti e dipinti, alcuni inediti e mai esposti, realizzate da Taddeo Carlone, dai figli Giovanni e Giovanni Battista, dal nipote Andrea e da artisti a loro contemporanei. Il progetto creerà un percorso da San Remigio attraverso tutti i borghi dell’Oltregiogo che ospitano opere della famiglia Carlone e opere della scuola Barocca genovese. Un itinerario che permetterà al turista di visitare chiese e oratori solitamente chiusi al pubblico.

Le date.

Domenica 30 giugno, ore 16, Grondona – zona feste: canti popolari

Domenica 7 luglio, ore 21, Capriata d’Orba – centro storico: Fabula Rasa – Teatro del Rimbombo.

Domenica 14 luglio, ore 21, Voltaggio – centro storico: La magia del cinema – Orchestra Classica di Alessandria.

Marco Paolini

Sabato 20 luglio, ore 21, San Cristoforo – Parco del Castello: Sogno veneziano – Rondò Veneziano.

Venerdì 26 luglio, ore 21, Tassarolo – centro storico: Io sono il mio lavoro. Storie di uomini e di vini – Pino Petruzzelli.

Venerdì 2 agosto, ore 21, Francavilla Bisio – centro storico: Il tango che passione – Orchestra Classica di Alessandria in collaborazione con Gianni Coscia.

Sabato 10 agosto, ore 21, Basaluzzo – centro storico: In cerca d’autore – Cluster, in collaborazione con l’Orchestra Classica di Alessandria.

Sabato 17 agosto, ore 21, Carrosio – centro storico: Sulla bocca di tutti – Teatro del Rimbombo.

Venerdì 30 agosto, ore 21, Gavi – Tenuta La Centuriona: Tecno Filò – Technology and me – Marco Paolini, in collaborazione con il Festival Attraverso.

Andrea Scanzi

Sabato 7 settembre, ore 21, Arquata Scrivia, Piazza Santo Bertelli: Fuochi sulla collina – Andrea Scanzi e Filippo Graziani.

Domenica 8 settembre, ore 21, Parodi Ligure, abbazia di San Remigio: Con il tempo, sai – Aver le temps. La canzone tra Genova e Parigi di e con Massimo Cotto e con Piero Sidoti. Dedicato a Gianmaria Testa. In collaborazione con il Festival Attraverso.

Al progetto hanno contributo la Compagnia di San Paolo, la Fondazione Crt e della Fondazione Cral.

CONDIVIDI
Articolo precedente“Gavi, il Forte, il Borgo”: un paese tra gastronomia e arte.
Articolo successivoIl Grosso di Tortona a Pane in Piazza Milano 2019