Questi i nomi degli eletti che siederanno nei Consigli comunali in Alta Val Borbera

0
1539

Continuerà a guidare Albera Ligure il sindaco Renato Lovotti che ha vinto per la seconda volta la competizione elettorale contro Valter Leonardi con 131 voti a 95. Nella sua lista Insieme per Albera – Renato Lovotti è stato sostenuto da: Giovanna Gazzoli, già vicesindaco nella scorsa legislatura, che ha avuto  20 preferenze; Mauro Lovotti 17; Luca Cerda 16; Mauro Marcenaro 10; Franco Daglio 9; Valentino Bisio 8; Michele Lovotti e Fabio Negruzzo 5; Maurizio Bava 3; Ugo Chiesa 2.   All’opposizione siederanno oltre a Valter Leonardi; Barbara Franzante che ha ottenuto 17 preferenze, Stefania Vergagni 14; in lista: Roberto Banchero 11preferenze, Paolo Cresci 9, Stefania Lovotti e Daniela Marcenaro 7, Andrea Bisio e Elena Basso 1. Non ce l’ha fatta neppure, Maurizio Carucci, il frontman degli e Otago ha ottenuto solo 8 preferenze. Il pubblico evidentemente lo preferisce come artista.

La lista del neo sindaco di Cantalupo Ligure, Pierluigi Debenedetti ha ottenuto 217 voti, a sostenerla Francesco Roveda che con 35 preferenze potrebbe essere il prossimo vicesindaco; Enrico Quaglia 24 voti; Cristiano Bisio14; Paola Bernardotti  e Corrado Corso13; Matteo Daglio 10; Cristina Cogo 9; Dino Ferrarotti 9; Pierpaola Quaglia 9 e Claudio Bergonzi 4. La lista “Persone territorio” di Teresa Neboli ha ottenuto 101 voti, secondo le preferenze espresse, con lei in Consiglio siederanno: l’ex sindaco Gian Piero Daglio con 10 voti, Davide Tacchella 9, non eletti: Alessia Mazzoni, Domenico Torre e Andrea Toccalino  con 8 preferenze, segue Daniele Stevano con 7,  Piero Roveta, 5; Loredana Ranaldo, Antoniotto Guidobono Cavalchini, Erica Bruzzese con 4 preferenze ciascuno.

A Mongiardino ha vinto la giovane Alessia Morando che, con la sua lista Uniti per Cambiare ha davvero la possibilità  di dare una svolta giovane al paese; un territorio non facilissimo formato da 33 frazioni dislocate su un ampio territorio comunale. 61 i voti di lista; con lei: Andrea Romanello 7 voti, Valerio Pagano 6, Mauro Cordone, Silvia Gogna e Martina Silvano 5, Nadia Remersaro 4, Enrico Mignacco 1.  In minoranza Maria Grazia Dotti con 18 voti; in consiglio siederanno: Roberto Grattone 8 preferenze  e Davide Riccardo 4.  Hanno sostenuto la lista Debora Franco e Claudia Gogna che hanno avuto una preferenza e Elisabetta Reposi, Francesca Sangiacomo, Desogus Angela.

Rispettate le previsioni a Roccaforte Ligure, dove la vicesindaca uscente Ilaria Tinello, ha vinto 57 a 21 con la lista “Roccaforte Domani”, contro la lista di Luciano De Angelis. Con lei ci saranno: Celeste Bisio e Daniela Fiori 7 preferenze; Danilo Ferrari e Roberto Ferrari 6;  Gabriele Inglese 3; Giorgio Giuseppe Torre 2, Alessandro Motto 1. Con De Angelis siederanno in Consiglio; Franco Rovegno 7 preferenze e Filippo Prando 3. In lista: Chiara Casale, Alessandra Casale, Bruno Bellone Lorenzo Bellone, Silvana Sala.

A Rocchetta Ligure, ha vinto la lista “Noi per voi” di Fabio Cogo ottenendo 91 voti: in consiglio siederanno: Andrea Fiori con 13 preferenze; Mauro Ponte 12; Luigi Bava11; Paolo Carano 10; Marta Traverso 9; Fabrizio Tavella, 5; Giulio Vittorio Cogo 4, Maria Grazia Profumo  e Luca Mignacco 3; Sara Vinci 1. La lista “Uniti per il territorio” di Annalisa Fiori ha avuto 44 voti; consiglieri eletti; Teresa Tacchella 13, Vincenzo Bruno 8;  la lista è stata sostenuta anche da: Mandina Cogo 6 preferenze; Pietro Ravalli 3; Silvia Corana 2; Valeria Sharon Cabiati e Bernardo Piemonte 1.

Nessun dubbio che a Cabella Ligure sarebbe stata confermata la sindaca uscente Roberta Daglio, in cinque anni il paese nato a nuova vita grazie alle migliorie estetiche e ai progetti di riqualificazione. A supporto della sua lista “Bene in Comune” che ha ottenuto 213 voti: Roberto Bava 24 preferenze; Paola Repetti 20; Giancarlo Renati, già vicesindaco nella scorsa legislatura 16; Graziella Aragone, Enrico Demergasso e Nicola Razzini 10, dieci preferenze; Andrea Demergasso 6 e Eduardo Claudio Pariani 1. All’avversario, il giovanissimo Giovanni Negro sono stati assegnati 57 voti: in lista con lui: Giampaolo Freggiaro 17, Emiliano Palma 3, Bruno Negro 3, Francesco Guandalini 1, Mauro Orazio Montabbio, Paola Oneglia, Paola Anna Loveno.

In ogni Consiglio entreranno sette candidati di maggioranza e tre di minoranza, resterà escluso chi ha  ottenuto meno preferenze.