Sondaggio per un bus Novi–Milano e rimborsi in vista per i pendolari

0
606
Pendolari novesi, da sin. Anna Maria Sordi, Francesco Bianchi, Andrea Pernigotti, Andrea De Rose e la vicesindaca Felicia Broda

Rimborsi in vista per i pendolari, sondaggio per un autobus diretto da Novi a Milano Famagosta e possibilità di ottenere un nuovo convoglio per Milano, quando saranno terminati i lavori del Terzo valico.

Sono molte le novità emerse lo scorso fine settimana nella sala del consiglio comunale, durante l’assemblea dell’Associazione dei pendolari novesi, Apn, come ha spiegato il presidente Andrea Pernigotti : “a partire dal 1° agosto saranno in vigore le nuove tariffe sovraregionali. In realtà, dal 25 luglio, sarà già possibile acquistare anche gli abbonamenti annuali. I rimborsi pregressi si possono ottenere presentandosi in biglietteria con i vecchi abbonamenti mensili (titoli di viaggio, ndr), riferiti da ottobre 2017 a luglio 2018. Il bigliettaio dovrà applicare il rimborso in base all’eccesso pagato, in seguito all’errato calcolo dell’algoritmo. Ad esempio, se l’abbonamento Novi –Milano costava 118 euro, il nuovo mensile costerebbe circa 100 euro. Questo è quanto abbiamo appreso da Assoutenti, a cui siamo affiliati, che lo ha comunicato nei giorni scorsi”-.

L’Apn, sul proprio sito internet (www.associazionependolarinovesi.org) ha avviato un sondaggio dove è possibile scaricare un modulo di adesione, compilarlo e inviarlo all’Apn via mail. Sul modulo si richiede di esprimere il proprio consenso ad accettare un servizio di autobus diretto da Novi a Milano Famagosta, evidenziando le fasce orarie ottimali. “Presenteremo la richiesta ufficiale all’Agenzia Mobilità della regione Piemonte (AMP), con l’appoggio del Comune di Novi.

“Al termine dell’incontro  che ho avuto con l’assessore ai Trasporti Simone Tedeschi e col direttore dell’AMP (Agenzia per la Mobilità del Piemonte, ndr), Cesare Paonessa – specifica Pernigotti quest’ultimo ha espresso la propria disponibilità a istituire un bus Novi – Milano Famagosta, a condizione che esistano i presupposti. Ecco perché chiediamo il consenso dei pendolari. Ciò consentirà di prevedere e ammortizzare le spese del bus che costa circa 80 mila euro l’anno e funzionerebbe fino al termine dei lavori del Terzo valico che oggi bloccano la linea Novi – Tortona”-.

C’è però un’altra grossa novità e riguarda nuovi treni. “Ho partecipato alla riunione di quadrante della Regione Lombardia – specifica Andrea Pernigotti – durante la quale la Regione ha annunciato l’acquisto di 161 treni, in consegna dal 2010 al 2025 che saranno affidati a Trenord. È inserita anche la linea novese (sempre dopo  il 2021 a causa del Terzo valico, ndr) e sarà riproposto un nuovissimo treno, Novi – Milano”-.