Sono 13 i lupi morti ritrovati sul territorio provinciale nel 2022.

Le carcasse rivenute in tutta la Provincia nell'ambito del progetto LifeWolfsAlps Eu. Le cause principale dei decessi sono gli investimenti da parte di auto e treni.

0
858

Sono 13 i lupi morti trovati sul territorio provinciale nel corso del 2022. Le carcasse sono state rinvenute non solo vicino agli Appennini ma anche in pianura e in collina, a testimonianza della diffusione sempre maggiore del predatore. Il dato è il frutto delle ricerche effettuate nell’ambito del Progetto LIFE WolfAlps EU. Come spiegano dalle Aree protette dell’Appennino Piemontese, i lupi morti sono stati trovati a Casaleggio Boiro, Ovada, Castelletto d’Orba, Visone e oltre che nel Casalese, cioè nei Comuni di Pontestura, Treville e Odalengo Grande, ad Alessandria e a Casalcermelli. L’ultimo esemplare è stato scoperto il 9 dicembre scorso a Vignole Borbera. Dalla sede di Bosio delle Aree protette aggiungono: “Sull’Appennino piemontese negli ultimi anni si è verificata una diffusione della specie anche in aree collinari e di pianura, generalmente più antropizzate, con strade e ferrovie; questo fenomeno ha comportato un incremento dei ritrovamenti di lupi morti, che rappresenta sempre un evento straordinario di grande interesse per stampa, cittadini e amministratori”. Gli animali sono stati portati al Presidio Multizonale Veterinario di Alessandria per gli accertamenti delle cause di morte che vengono effettuati presso l’Università di Torino dal Dipartimento di Scienze veterinarie in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte Liguria e Valle d’Aosta – Centro di Referenza Nazionale per le Malattie degli Animali Selvatici. Di tutti gli animali sono state rilevate le misure biometriche: peso, lunghezza totale, altezza al garrese, circonferenza torace, circonferenza collo,  lunghezza coda, lunghezza orecchie, lunghezza del polso e le misure dei ferini e canini. Infine, si esegue la necroscopia per stabilire la causa della morte. Il periodo tra le fine dell’inverno e l’inizio della primavera “coincide con il momento più intenso di dispersioni di giovani lupi in cerca di nuovi territori, situazione che li espone a un maggior rischio di mortalità. In base agli studi svolti dal 1998 al 2021 le cause di mortalità principali del lupo in Piemonte sono quattro: collisioni con autoveicoli e treno (57,6%), uccisioni illegali (18,4%), cause indeterminate (13,8%) e cause naturali (10,2%). In totale, dal 1999 al 2021 sono stati ritrovati in Piemonte 327 lupi morti, di cui 47 in provincia di Alessandria, terza dopo Cuneo (137) e Torino (127). L’ultimo monitoraggio sul territorio provinciale ha contato 14 branchi di lupo in provincia.