Suicidio nell’aeroporto di Novi Ligure: si tratta di Francesco Dell’Aquila.

Il 35enne si era allontanato da casa ad agosto senza avvertire nessuno: vani gli appelli dei familiari per il suo ritorno.

0
4947

Mesi di appelli e speranza dei dei familiari e degli amici sono stati cancellati ieri pomeriggio: fra gli alberi di un’area abbandonata dell’aeroporto di Novi Ligure è stato trovato impiccato il cadavere di Francesco Dell’Aquila, l’uomo trentacinquenne di cui non si avevano più notizie da mesi. Nella notte tra il 16 e il 17 agosto aveva abbandonato volontariamente la casa di Novi dove abitava con i genitori, senza dare nessuna indicazione su dove intendesse andare e, staccando il telefonino che aveva comunque portato con sé.

Da allora si erano moltiplicati gli appelli dei familiari per far sì che tornasse a casa, attraverso i mass media, compreso “Chi l’ha visto?” e i social network ma tutte le segnalazioni arrivare ai carabinieri si era rivelate inconsistenti. Ieri un operaio fa fatto la terribile scoperta: Dell’Aquila era ormai irriconoscibile e la sua identità è stata rivelata dai documenti.  Secondo le prime informazioni il suicidio sarebbe avvenuto proprio ad agosto, quando era scomparso.