Le famiglie degli alunni che frequentano le scuole di via Bonavoglia da quando, lo scorso anno, è stato dichiarato inagibile il plesso di viale Kennedy, pagheranno un abbonamento allo scuolabus “normale” e non più solo 30 euro all’anno, cifra simbolica richiesta dalla passata amministrazione comunale di centrosinistra per andare incontro ai notevoli pesante disagi causati dalla chiusura delle scuole del rione San Bernardino. Il Consiglio comunale ha respinto la mozione firmata dai consiglieri Pd Marcella Graziano e Gianni Castagnello, che proponeva di mantenere la cifra: la cosiddetta linea “atipica” “sia mantenuta alle stesse condizioni economiche anche per i prossimi anni, finché le scuole non torneranno in viale Kennedy”. In alternativa il Pd chiede di “assicurare il trasporto a un costo fortemente agevolato, anche in deroga all’indice di copertura previsto per questi servizi” e di considerare anche una tariffa agevolata “anche per i bambini che usano lo scuolabus per raggiungere le elementari di piazzale Mossi e di via Bidone”.

Federico-Chiodi
Federico Chiodi

Il sindaco Federico Chiodi ha spiegato che la Corte dei conti, in una recente sentenza, “ha escluso che il trasporto scolastico possa essere gratuito. Per questo stiamo valutando di applicare tariffe mensili inferiori a 8 euro per gli Isee fino a 3 mila euro e di 31 euro sopra i 24 mila euro. Tra 3 mila e 24mila la tariffa sarà personalizzata in proporzione al valore Isee. Ormai quella in questione è una normale linea scuolabus”. Secondo l’ex sindaco Gianluca Bardone, però, quello della Corte dei conti è solo un orientamento giurisprudenziale: “Serve un atto di coraggio da parte della maggioranza verso le famiglie”. La mozione è stata respinta con 11 voti. A favore gli esponenti Pd firmatari e Bardone oltre a Monica Cusmano (M5s), astenuti gli altri esponenti del centrosinistra Lorenzo Bianchi e Federico Mattirolo. La modifica alle tariffe era stata già prospettata ai genitori dei bambini in un recente incontro: i 30 euro annui coprono solo il 10% della spesa dello scuolabus.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTassarolo: “Io sono il mio lavoro”, trent’anni di storia in vigna
Articolo successivoGavi e dintorni, gli appuntamenti del week-end