Nuova ondata di furti in Val Borbera. I delinquenti tentano di uccidere un pastore tedesco

Rocchetta, Mongiardino, Cabella e Cantalupo, sono stati visitati dai ladri

0
4036

Periodicamente la Val Borbera viene presa di mira dai ladri e, questo è uno di quei periodi. Solo la scorsa settimana in alta valle i furti sono stati quattro, a Rocchetta, a Cantalupo, a Mongiardino e a Cabella.

Nel primo caso i malviventi sono riusciti ad asportare da un’abitazione un pesante armadio blindato che conteneva alcuni fucili da caccia, probabilmente scambiato per una cassaforte. Quando si sono accorti che si trattava di armi, hanno valutato non valesse la pena rischiare così tanto e hanno abbandonato il bottino in un fossato nei pressi di Zebedassi. I fucili sono tornati in possesso del proprietario.

Peggio è andata ai proprietari di una casa alle porte del paese di Cantalupo Ligure. Qui i delinquenti sono recidivi, l’abitazione era già stata visitata altre due volte negli ultimi anni e, in quell’occasione avevano già svuotato il porta gioielli.  Questa volta i ladri,  dopo aver tagliato le inferiate di una finestra e divelto la stessa, una volta entrati in casa e non trovando nulla a portata di mano, hanno letteralmente demolito l’arredamento, spostato lavatrice, lavastoviglie, sventrato cuscini, ma la cosa più grave, hanno ferito il cane, un pastore tedesco che evidentemente aveva qualcosa da dire agli intrusi e che gli ha disturbati;  con una violenza inaudita lo hanno picchiato e  infilzato con un piede di porco sulla coscia. I proprietari lo hanno trovato al loro rientro e lo hanno immediatamente portato dal veterinario e ora fortunatamente seppur spaventatissimo è fuori pericolo.

Hanno avuto un pessimo benvenuto una coppi di giovani che da pochi mesi si sono trasferiti a Mongiardino. I ladri sono entrati in casa e rovistato ovunque, prelevando oggetti  senza un reale valore monetario, soprattutto se venduti ai ricettatori, ma che probabilmente per chi li possiedei hanno un grande valore affettivo.

L’ultimo  è stato un tentativo di furto. I malviventi hanno provato ad entrare in una villa situata in una frazione di Cabella Ligure, nonostante all’interno ci fosse una ragazzina che stava facendo i compiti. Una novità, perché di solito questi topi d’appartamento prediligono le case vuote, infatti agiscono di giorno, quando è più probabile che non ci siano persone presenti. La ragazza ha visto tre uomini a volto coperto che scavalcavano la recinzione del giardino e ha avuto la presenza di spirito di avvisare la madre che a sua volta ha chiamato i Carabinieri. Nonostante i militari siano arrivati pressoché subito,  i delinquenti sono riusciti a fuggire a bordo di un’auto con targa falsa.