Parte il 43° Tour Gastronomico delle Valli Borbera e Spinti.

Il 25 Aprile la prima data golosa a San Nazzaro.

0
871

E’ stato presentato, lunedì 17 aprile, il 43° Tour Gastronomico delle Valli Borbera e Spinti. L’itinerario goloso che si svolge in primavera e in autunno, coinvolge i ristoranti che fanno capo all’Associazione Albergatori e Ristoratori.

La presentazione che si è svolta alla Locanda Pertuso a Cantalupo Ligure è stata, come di consueto anche l’occasione per  mettere a fuoco i principali temi che riguardano il turismo valligiano in tutte le sue declinazioni.

Il presidente Michele Negruzzo ha aperto la serata elogiando alcuni personaggi e Associazioni che contribuiscono alla promozione delle Valli Borbera e Spinti, assegnando loro come ricordo della serata un piatto in argilla nera in monocottura che riporta una margherita, simbolo dell’Associazione Ristoratori, realizzato da un’artista locale.

Il primo riconoscimento è stato offerto a Alfio Bottaro, simpatico partner di Antonella Clerici in una nota trasmissione televisiva, trasmissione attraverso la quale porta il grande pubblico a conoscere il territorio. Un secondo riconoscimento è stato consegnato al fotografo Adriano Giraudo; le sue foto raccontano meglio di tante parole la bellezza di queste vallate. Sue anche le immagini del libretto-calendario che riporta le date degli appuntamenti gastronomici. Il terzo e ultimo riconoscimento è stato assegnato al “Cammino dei Ribelli”; rappresentato nella serata da Giacomo D’Alessandro, Giovanni Moro, Irene Zembo. il gruppo negli anni ha sviluppato percorsi sui sentieri valligiani che attirano camminatori dall’Italia e dall’estero. Per conoscerli: https://www.ilcamminodeiribelli.it/.

Fino a qui le cose belle, ma certo non mancano le difficoltà. Il presidente Negruzzo parla della “peste suina africana” causa della chiusura di quattro mesi di gran parte della rete escursionistica, riaperta lo scorso anno, grazie a deroghe, ora scadute. “La chiusura  – tuona il presidente – ha causato gravi perdite in termini di presenze. I nostri settori hanno bisogno di programmazione e di decisioni immediate, le indecisioni e le decisioni tardive hanno portato e portano a perdite importanti per le nostre attività”. Rivolgendosi agli amministratori dice: “ Le deroghe sono scadute e ci auguriamo che il buon senso porti a rinnovarle perché altrimenti il territorio tornerebbe a risentirne in maniera grave e pesante”.

Altro argomento spinoso sono le strade, molte delle quali davvero impercorribili in particolare per ciclisti e motociclisti. “Buche, avvallamenti, cunette inesistenti che dovrebbero servire per il deflusso dell’acqua piovana, invece sono piene di pietre e terra”. Dice Negruzzo, e appellandosi al presidente della Provincia Enrico Bussalino presente in sala, chiede aggiornamenti sulla frana che ha isolato il paese di Carrega e sui lavori infiniti che riguardano i ponti nelle Strette. Tutte opere di pertinenza della Provincia. Parla anche di trasporti carenti che non agevolano la presenza di turisti se non automuniti e dei deboli segnali wifi. Fa un appello ai politici affinché la montagna sia salvaguardata, facendo notare come i tagli ai servizi essenziali come scuola, sanità, posta, banche, portino allo spopolamento del territorio.

La prima tappa del Tour è in calendario martedì 25 aprile all’ora di pranzo al ristorante “Da Bruno” di San Nazzaro – Albera Ligure.

(ph: Dino Ferretti, Gian Paolo Pepe, Massimo Sorlino)