Non è che lui ci tenesse particolarmente ad essere al centro dell’attenzione, ma quando un alberello decide spontaneamente di nascere lungo le sponde di un torrente, a ridosso di una strada più o meno trafficata, dove, a parte lui, non cresce un filo d’erba, è evidente che attira l’attenzione e, forse per non farlo sentire solo, alcuni ragazzi della zona hanno deciso di dargli un ruolo importante: per quest’anno sarà un alberello di Natale. E qui nasce il problema: “con cosa lo addobbiamo?”, l’unica decorazione in possesso dei ragazzi è una collana vintage che un tempo si illuminava e ora è solo un insieme di deliziose lanternine e alcune sfere colorate, ed ecco l’appello, se vi avanza una pallina, un nastrino natalizio, o quello che avete e, passate sulla strada esterna di Rocchetta Ligure, più o meno a metà, lo  vedrete in tutta la sua ehm…”bellezza”, se avete con voi la decorazione appendetela sul ramo che più vi piace o, se preferite portatela a Elena, l’edicola di Cantalupo, ci penserà lei a donarla a “Spelacchio” di Rocchetta.

CONDIVIDI
Articolo precedentePernigotti, da don Padrini appello a donare soldi per i lavoratori.
Articolo successivoNon stop live show – Insieme siamo più forti: per Pernigotti e Iperdì