Cantalupo Ligure. Un abbraccio per chi è rimasto e per chi tornerà in Valle

0
285

Mesi difficili quelli trascorsi a causa del maledetto virus che ci ha stravolto l’esistenza e, non è detto sia finita. Per la Val Borbera, magico  luogo che vive anche di agricoltura, ma soprattutto di turismo, la chiusura delle “frontiere” è una debacle. Tra qualche giorno sapremo se i turisti potranno varcare le Strette, se così sarà, le case di vacanza potranno essere riaperte, i negozi, i bar, i ristoranti, seppur con le dovute cautele, accoglieranno le persone che amano trascorrere il loro tempo libero in Valle.

Ci credono, o forse semplicemente ci sperano i commercianti di Cantalupo Ligure che, come ad ogni evento valligiano importante e, l’ apertura  della Valle lo è, hanno realizzato la loro personalissima installazione di benvenuto sul poggiolo all’ingresso del paese dal quale, attraverso una creativa finestra  si domina un fantastico scorcio sul torrente Borbera.

E poi, a lato della strada provinciale a ridosso del parco giochi, c’è un cuore. Lo avevano preparato a febbraio per festeggiare San Valentino, al centro c’era Cupido.  E’ rimasto lì tutti questi mesi, ora, Cupido non c’è, al suo posto c’è una scritta sui colori dell’arcobaleno: “E sto abbracciando te, senza toccarti, senza sfiorarti, ma stringendoti con il mio cuore”.  Restiamo tutti in attesa di ricevere un abbraccio reale.