Premiati i militi della Croce rossa che salvarono la vita ad Abdel

0
780
da sinistra Pietro Pegorari, Matteo Benassi, Antonio Pavoli, Alberto Carbone e Abdel Araid

Giornata celebrativa sabato, per la Croce rossa di Serravalle.  Il Comune ha onorato per il senso civico dimostrato, i militi serravallesi Pietro Pegorari e Matteo Benassi. Lo scorso luglio salvarono il giovane marocchino Abdel Araid che era stato accoltellato il piazza Bosio. Lo stesso Araid è stato premiato per il gesto che aveva compiuto, prendendo le difese di un’anziana che era stata aggredita a sua volta dal cane di A.V. In quella circostanza, Abdel intervenne ammonendo il proprietario del cane, il quale per tutta risposta lo accoltellò all’addome. Il marocchino cercò di fuggire e per sua fortuna incontrò l’ambulanza condotta da Pegorari, con a bordo anche Benassi. I militi fecero salire sul mezzo di soccorso il ferito e poi depistarono l’aggressore che ancora stava inseguendo la sua vittima. Grazie alla prontezza di spirito dei due militi, Abdel Araid evitò conseguenze peggiori. Pietro, Matteo e Abdel, hanno ricevuto l’onorificenza dal sindaco Alberto Carbone e dal presidente della Cri di Serravalle, Antonio Pavoli. Nella stessa giornata, la famiglia Franciosi ha voluto omaggiare la Cri, donando una Citroen C3 che il loro congiunto aveva acquistato affinché possa ancora essere utilizzata per servizi di aiuto verso i bisognosi di terapie. Luciano Franciosi, mancato poco tempo fa, soffriva di dialisi e si è avvalso per lungo tempo era sottoposto al trattamento di dialisi.