25 aprile. La Val Borbera ricorda

0
620
Palazzo Spinola, sede del Municipio

Nel giorno della Liberazione dal nazi-fascismo, in Val Borbera le amministrazioni comunali, in collaborazione con le pro loco e l’Anpi, hanno organizzato momenti di ricordo e deposizioni di corone.

Fin dalla mattinata a Vignole, complice il sole caldo, le tante bancarelle, le giostre, l’atmosfera è stata proprio quella della festa. Il momento commemorativo si svolto al monumento ai Caduti, posto davanti alla chiesa parrocchiale, alla presenza del gruppo Alpini, Protezione Civile, Carabinieri della stazione di Serravalle, sindaco Giuseppe Teti oltre a varie rappresentanze del Comune. La pro loco ha servito nell’area sagre il pranzo.

Palazzo Spinola di Rocchetta Ligure, sede del Museo della Resistenza, è stato il fulcro della giornata iniziata alle 10 del mattino con la presentazione della mostra “Russia remembers the heroes of the Resistence”, manifesti, fotografie e opere realizzate dai ragazzi dell’Associazione dei discendenti degli eroi russi, su iniziativa della Biblioteca Nazionale di Rjazan. 

Alle 15, i giovani attori del corso di teatro dell’Allegra Brigata Chicchirichì”, diretto da Simona Lisco, hanno presentato  “Fulmine, resisti” liberamente ispirato a “Fulmine un cane coraggioso”.

Alle 17.30, sempre a Palazzo Spinola, è stata inaugurata la mostra fotografica “La Val Borbera nella terra delle quattro province” a cura del Gruppo fotografico della Val Borbera. Splendide immagini di paesaggi  e di borghi  suggestivi. In esposizione foto di: Carmen Biglieri , Pierluigi Casanova, Silvia Chiesa,  , Stefano De Agostini, Adriano Giraudo, Stefano Mandoletti, Francesco Migliarino, Claudio Olivieri, Maristella Repetti, Marilena Urru, Irene Zembo. La mostra sarà visibile domenica 13 e 27 maggio, e domenica 10 giugno.

La commemorazione istituzionale dell’Alta Valle si è svolta come di consuetudine alla Stele di Pertuso nel comune di Cantalupo Ligure, alla presenza del sindaco di Novi Rocchino Muliere, della sezione Anpi Alta Val Borbera e dei rappresentanti dell’amministrazione comunale.

Nel reportage che segue, il fotografo Massimo Sorlino ha realizzato la sintesi della giornata.