A Vignole Borbera Viviana Albanese parla del suo romanzo “Professione Pendolare”

0
545
Foto da Facebook

C’è chi viaggia tutta la vita ma non va da nessuna parte. È la vita del pendolare: ogni giorno treni, metropolitane, tram, ogni giorno la stessa strada per centinaia di chilometri senza raggiungere mai nulla di nuovo. E questa è anche la vita di Cali; trentenne piemontese intrappolata nel mestiere di pendolare, alle dipendenze del Diavolovesteprada, con un segreto scritto sulla pelle, che nasconde vestendo sempre maglie a maniche lunghe, e una famiglia difficile da gestire: una madre instabile e un padre che è ormai solo un’ombra del passato. Tra un treno in ritardo e una galleria spassosa di personaggi tanto incredibili quanti veritieri, Cali cerca di sopravvivere alla vita quotidiana e di non spezzare l’equilibrio, seppur precario, della propria esistenza”.

Professione Pendolare” il romanzo di Viviana Albanese, sarà presentato  sabato 23 febbraio, alle 18, nella biblioteca civica, situata nell’edificio polifunzionale di Vignole Borbera. A parlarne con l’autrice sarà Cristina Raddavero.

Casse 1979, Viviana Albanese è laureata in lingue e letterature. Ha pubblicato con il self-publishment  tre romanzi fino al 2016 quando ha fatto il salto di qualità ed è passata all’editoria ufficiale, pubblicando il romanzo “Mercoledì” con la casa editrice PuntoaCapo di Pasturana. Nei suoi romanzi, ambientati tutti nel Basso Piemonte dove vive, cerca di catturare la realtà, attraverso dialoghi e scene di vita quotidiana che trascinano il lettore in questo mondo che, per quanto immaginario, non potrebbe essere più simile alla vita di ogni giorno. Nella vita vera è mamma di due bambini e impiegata commerciale in un’azienda siderurgica ma, come i supereroi, di notte si trasforma in qualcosa di incredibile e vive il suo sogno, quello di scrivere!