Il padellone rubato Foto Massimo Sorlino

Due castagnate, organizzate dalle pro loco di Cabella Ligure e di Vignole Borbera, con un unico obiettivo: aiutare economicamente la Croce Rossa locale. Ieri, domenica 15 ottobre, il profumo delle caldarroste ha avvolto l’alta e la bassa Valle.  Come sempre, il fotografo Massimo Sorlino è andato a documentare le due feste.

A Vignole, la giornata è stata arricchita dalla “Gara di Torte” cui hanno partecipato diciotto concorrenti. Difficilissima la scelta che i tre giudici hanno dovuto compiere, anche perché i parametri di giudizio sono stati due: il gusto, naturalmente, ma anche l’aspetto  in ossequio al famoso detto che “anche l’occhio vuole  la sua parte“.

Le due torte vincitrici sono state realizzate, la prima da Valentina Cambrea e Alessia Bergamasco,  il loro dolce è stato giudicato il più bello , mentre il più buono è arrivato da Serravalle e a prepararlo è stata Barbara Rossi.

Tutte le torte sono state infine messe all’incanto e il ricavato è stato destinato alla Croce Rossa sezione di Vignole.

A Cabella la castagnata in supporto alla Cri, è tradizione. Da molti anni i volontari della Croce Rossa sezione Alta Val Borbera,  insieme ai volontari della pro loco, allestiscono questa festa d’autunno, che attira sempre molta gente. La giornata è iniziata fin dal mattino con la “polentata” al Palavittoria e l’allestimento dei banchetti dei brodotti locali. Al pomeriggio distribuzione di castagne e una grande lotteria.

I soldi raccolti saranno impiegati per  finanziare l’acquisto di un’auto medicale, per il trasporto di più pazienti contemporaneamente.

Nelle foto vediamo  i militi alle prese con la grande padella  e un momento della grande lotteria con i bimbi che hanno estratto i numeri vincenti.

Queste le immagini di Cabella:

….e quelle di Vignole. La maglietta verde è la divisa della pro loco, tra gli altri notiamo la presidente Susan Thomas, e l’assessore comunale Piera Ardrizzi.

CONDIVIDI
Articolo precedenteDue morti a Cassano Spinola: uno è di Serravalle Scrivia.
Articolo successivoTuffo fuori stagione per i 55enni gaviesi.