Dolci terre: i 3 “segreti” che rilanciano l’economia del territorio

0
3372
Anniversario di Dolci terre al Serravalle Designer Outlet

Il progetto turistico – commerciale “ThinkSerravalle” avviato al Serravalle Designer Outlet con “Dolci terre”, lo store che raccoglie tutte le produzioni d’eccellenza del territorio ha compiuto un anno.

Questo punto vendita, per molti aspetti “unico”, in quanto protagonisti sono numerose realtà produttive locali, nei suoi primi 12 mesi di vita ha accolto 297 mila 965 visitatori, gran parte dei quali stranieri grazie a 3 “segreti”.

“Nel primo periodo i visitatori erano in grande maggioranza italiani – spiega Massimo Merlano, presidente dell’Ascom (l’associazione dei commercianti del Novese) uno dei promotori del progetto -. Da luglio, con il completamento della fase “luxury”, abbiamo invece registrato una netta inversione di tendenza con gli stranieri che hanno segnato il 40% degli ingressi nello store. Una clientela di qualità medio – alta che ha imparato a ricercare e ad apprezzare le cose che abbiamo, comprese le strutture ricettive del territorio, ristoranti, vini, castagne, funghi, cioccolato e specialità da forno”-.

Lo store “Dolci terre” è quindi diventato un volano per l’economia locale, prima di tutto a livello promozionale, come testimoniano le numerose presenze imprenditoriali che accoglie e che presto ne faranno parte. Il primo segreto è l’accoglienza. Far sentire i clienti a proprio agio, parte dalla lingua parlata. L’inglese è diventata quella principale, ma il personale sa adesso districarsi bene anche con altre lingue, compreso il russo, l’arabo e il cinese. “I risultati sono confermati anche dal fatto che gli alberghi del circondario – prosegue Merlano – tra giugno e settembre erano sold-out”-.

C’è poi un altro “segreto” legato alla promozione: ospitare per giornate a tema, locali prestigiosi del territorio per proporre e divulgare le proprie specialità.

Il “terzo segreto” di “ThinkSerravalle” lo anticipa e lo sottolinea Merlano: “questo mese organizzeremo un incontro con i sindaci per aggiornarli sulle opportunità che offre il nuovo progetto: promuovere eventi, cultura, religiosità e storia, fiere ma anche le sagre che per molti turisti sono un’inedita forma di experience. Obiettivo è creare un progetto integrato sulle eccellenze”-.

Con Camera di Commercio e Alexala si sta inoltre lavorando sul cicloturismo partendo dagli aspetti museali che la zona offre e con “Libarna Arteventi”, nuovi progetti d’arte.