La “Ricerca” di Gianni Caccia, alla Galleria Pagetto di Novi Ligure

0
359

S’intitola Ricerca, l’ultimo libro dello scrittore novese Gianni Caccia, che sarà presentato giovedì 22 novembre alle 18, alla Galleria Pagetto di  Novi Ligure, nell’ambito di  “Un libro in galleria”. Si tratta di un’opera di narrativa in tre racconti.

Il primo, Palintonia, è ambientato in un’ immaginaria valle alpina, dove le indagini di un ricercatore lo portano sulle tracce di  una setta eretica che si è sviluppata solo in quel luogo, fino a diventare la religione maggiormente praticata. L’impatto con un ambiente chiuso e tendenzialmente ostile induce il protagonista a riflettere sui concetti di ragione e torto.

Gli altri due racconti, La mano di Annibale e La fontana dell’uomo morto, sono invece ambientati nella zona appenninica compresa tra le province di Alessandria, Pavia, Piacenza e Genova e prendono le mosse da due leggende del luogo, una delle quali, la più nota, vuole che Annibale sia passato per quei monti. I due testi hanno inoltre in comune lo stesso protagonista, Konrad Jaeger, un docente in lettere di origine austriaca che vive tra il basso alessandrino e quella zona appenninica di confine, dove ha una casa di vacanze: individuo meticoloso affetto da varie manie, collezionista compulsivo di modellini di auto, perennemente insoddisfatto di sé e sempre in bilico tra la razionalità derivante dalla sua formazione culturale e il fascino del mistero.

Il titolo dell’opera fa riferimento al comune denominatore delle tre storie: entrambi i personaggi sono alla continua ricerca di un qualcosa, per lo più sfuggente, che finisce per essere una ricerca interiore raramente appagata.

Introducono la presentazione, Enrico Marià e Cristina Daglio

Ricerca, edito da puntoacapo Editrice, pp. 160, € 15