Lo spazio a scuola, Paolo Nespoli colloquia con gli studenti novesi

0
296

L’astronauta Paolo Nespoli sarà in collegamento diretto Skype con l’Istituto Ciampini – Boccardo di Novi, domani, giovedì 21 febbraio, alle 13,30. L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto didattico “Spazio alla conoscenza”, ideato dal professor Corrado Campisi in collaborazione con il preside dell’istituto Mario Scarsi e con l’ingegner Luigi Bussolino, anche lui novese, già esperto del settore spaziale (Nasa, Agenzia spaziale italiana Asi) e dirigente dell’azienda Alenia Spazio. Nespoli risponderà da Houston alle domande che gli rivolgeranno gli studenti che in prevalenza verteranno su: robotica, cibo nello spazio, esperimenti svolti durante le sue 3 missioni a bordo della stazione spaziale ISS.

“’EXPEDITON 52-53, questo è il nome tecnico, che lo ha visto impegnato in più di 60 esperimenti scientifici, che fanno parte di una ricerca denominata: “Vita, Vitality, Innovation Technology and Ability”.

Il logo della missione, scelto dall’agenzia spaziale internazionale concordemente con quella italiana e all’astronauta stesso è molto rappresentativo, si compone di tre elementi fondamentali: un filamento di DNA come simbolo della vita e della scienza, un libro emblema della cultura e dell’istruzione e la Terra rappresentativa dell’umanità. Un connubio inscindibile che delinea chiaramente lo scopo principale della missione spaziale: la ricerca scientifica come volano di conoscenze finalizzato a promuovere progresso culturale, sociale ed economico dell’umanità.

Il vasto programma scientifico della sperimentazione ha compreso numerosi test, di biologia, fisiologia umana, nonché il monitoraggio dell’ambiente spaziale, studi di scienza dei materiali e dimostrazioni tecnologiche.

Paolo Nespoli, in veste di sperimentatore vuole ispirare la futura generazione di ingegneri e scienziati in quanto ha condiviso il suo viaggio con i giovani in collegamento da Terra, con l’obiettivo di essere un modello positivo a cui possono ispirarsi per studiare l’ambiente dello spazio.

Non dimentichiamo che Paolo Nespoli sostiene la “Mission-X ‘Allenati come un Astronauta’, un programma di istruzione attraverso il quale giovani studenti di oltre 25 Paesi del mondo portano avanti delle attività di carattere scientifico. È inoltre ambasciatore per la sfida europea “Astro Pi Challenge”, un’opportunità unica per gli studenti europei per accedere con programmi ai mini computer, denominati Raspberry Pi, installati sulla Stazione internazionale.

L’IIS “Ciampini Boccardo” ancora una volta si propone come ente propulsivo della cultura tecnica sul territorio con un incontro che avrà modo di arricchire i presenti: alunni, docenti, ospiti potranno quindi porre domande ed dialogare direttamente con uno dei massimi esponenti del mondo scientifico che l’Italia può vantare. Il Ciampini è in concorso con altre scuole nazionali, per poter dialogare in autunno con la ISS tramite l’astronauta Luca Parmitano. primo comandante italiano della stazione.