Pozzolo, non si ferma all’alt dei carabinieri: aveva con sé marijuana, eroina e cocaina.

A Novi un connazionale denunciato per aver minacciato con un coltello alcun minori al parco giochi

0
1464

Marijuana, eroina e cocaina: sono gli stupefacenti trovati addosso a Rachid Mufrou, 40enne marocchino, arresto in flagranza di reato dai carabinieri a Pozzolo. I militari, mentre perlustravano un’area antistante il greto del torrente Scrivia, talvolta frequentata da persone dedite all’uso di stupefacenti, si sono fermati, anche per valutare il livello del torrente interessato dalle abbondanti piogge, notando l’autovettura del 40enne sopraggiungere ad alta velocità. Nonostante l’alt intimatogli, il conducente del veicolo tirava dritto, proseguendo la marcia. I carabinieri si sono quindi posti all’inseguimento, riuscendo a bloccarlo alla prima curva. Alla vista dei carabinieri, che hanno cercato di tirarlo fuori dall’abitacolo, l’uomo ha opposto una vana reazione. L’immediata perquisizione personale e veicolare ha consentito di rinvenire sull’auto circa 20 grammi di eroina e 13 grammi di cocaina, nonché alcune dosi già pronte di cocaina e marijuana. Con il supporto dei colleghi di Novi Ligure, i carabinieri hanno proceduto alla perquisizione domiciliare, rinvenendo circa 90 grammi di marijuana incellofanata in due pacchetti. L’uomo è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e dovrà rispondere anche del reato di resistenza a Pubblico Ufficiale per essersi dato alla fuga ed essersi opposto alle operazioni dei carabinieri al momento del fermo.

NOVI: DENUNCIATO PER MINACCE. Un giovane di 28 anni, anch’egli di origine marocchina, è stato denunciato per minacce aggravate, porto abusivo di armi e permanenza illegale sul territorio italiano. L’uomo, dopo avere minacciato per futili motivi dei minori che giocavano nei giardini pubblici di Novi Ligure, è stato rintracciato dai carabinieri all’interno di uno scantinato di un’abitazione limitrofa, dove si era introdotto abusivamente, forzando un lucchetto messo a protezione del portone d’ingresso. E’ stato trovato in possesso di un coltello da cucina che, dalle prime dichiarazioni dei minori, sarebbe stato mostrato al momento della minaccia. Il 28enne, risultato irregolare sul territorio nazionale, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Alessandria.