Primavera di bellezza a Pontecurone

Sabato 23 marzo Giovanna Franzin apre un ciclo di incontri sul concetto di bellezza declinato in vari ambiti

0
309

Il titolo del romanzo di Beppe Fenoglio ben sintetizza il programma del ciclo di sei conferenze «Viae Pulchritudinis» (Le strade della bellezza), organizzato dall’associazione culturale «Il paese di Don Orione» sul concetto di bellezza declinato in diversi ambiti del sapere (fede, estetica, musica, poesia, arte, giardino), che si terranno nel salone Avis di Palazzo Bertarelli in via Emilia 141, a Pontecurone.

Si comincia sabato 23 marzo, alle 15,45, con “La bellezza come via alla fede”. Ne parlerà Giovanna Franzin prendendo spunto dal documento dell’assemblea plenaria del Pontificio Consiglio della Cultura del 2006, che ha ispirato il titolo dell’intero ciclo, per trattare il tema dell’importanza dell’arte nel comunicare la fede.  La relatrice proporrà, inoltre, una sintesi delle idee di Papa Benedetto XVI sul concetto di bellezza a cui il Papa emerito ha dedicato diverse riflessioni nel corso del suo pontificato. Infine verranno commentate alcune opere d’arte sacra ispirate alla Passione, Morte e Resurrezione di Cristo.

Locandina Viae PulchritudinisLa finalità di questo incontro, come di tutte le conferenze proposte, è quella di fornire strumenti per aiutarci a riconoscere, apprezzare ed avere cura del “bello” visto sotto i vari spetti che saranno approfonditi negli appuntamenti successivi secondo il seguente calendario: venerdì 29 marzo, alle 20,45, “L’estetica del bello” a cura di Daniele Crivelli; sabato 13 aprile, alle 15,45, “Il bel canto e la bellezza della musica” a cura di Gian Maria Franzin; venerdì 3 maggio, alle 20,45, “La bellezza attraverso la poesia” a cura di Raffaele Floris; venerdì 17 maggio, sempre alle 20,45, “La bellezza in giardino” a cura di Eddi Volpato, e per concludere sabato 1° giugno, alle 15,45, “La bellezza dell’arte: la chiesa di Santa Maria Assunta”, tenuto da Silvia Massari nella chiesa stessa che si trova sempre a Pontecurone, ma in via Roma.

Tutti sono invitati e l’ingresso è libero.