Sono i bimbi il centro dei pensieri di Don Enzo Manici e Lucia Marcheselli, che li accudiscono attraverso l’Associazione Agape, una onlus che come scopo primario, sensibilizzare le persone nel sostenere i minori in difficoltà nei loro luoghi d’origine.

I bimbi di Bahia

Agape, parola greca che significa amore disinteressato, è nata nel piccolo paese di Pey, sull’Appennino, punto d’incontro di quattro province, e da quel lembo di territorio è arrivata all’interno dello Stato di Bahia in Brasile, dove il sacerdote brasiliano Padre José Carlos, svolge con fatica e coraggio la sua opera di solidarietà e accoglienza. In questo territorio poverissimo Padre José è riuscito a far nascere strutture e case d’accoglienza per questi bambini.

L’associazione Agape coopera promovendo le adozione a distanza e organizzando eventi benefici per la raccolta di fondi.

Sabato 17 giugno, come ormai consuetudine, Agape ha organizzato una cena benefica di auto finanziamento, che si terrà al Ristorante Capanne di Cosola, nell’omonima località. Non solo cibo, la serata offrirà musica, e una lotteria con premi prelibati offerti da aziende agroalimentari del territorio.

Don Enzo Manici. Foto Massimo Sorlino

Partecipare alla serata è oltre ad un importante gesto di solidarietà anche un piacevole diversivo, in un suggestivo angolo della Val Borbera, gustando ottimo cibo e ascoltando buona musica. Per prenotare telefonare: 0143.999126 oppure 349.2852675.

Ricordiamo infine che donare il 5 per mille, non costa nulla. Per sostenere Agape il codice fiscale da inserire nell’apposita casella sul modulo della dichiarazione dei redditi è: 91093970332. Il gesto farà felici, oltre ai bimbi di Bahia, anche Lucia e Don Enzo.

Le donazioni saranno impiegate per terminare i lavori nel grande centro di accoglienza e formazione per bambini e adolescenti nella città di Canavieiras. Inoltre è in progetto un centro di accoglienza nella città poverissima di Buerarema, dove padre José è attualmente parroco.

Tutte le offerte arrivano direttamente a Padre José Carlos tramite bonifico bancario o portate personalmente da Lucia che ogni anno porto il suo personale contributo in Brasile. Tramite il sito  www.associazioneagape.it  è possibile verificare oltre alle adozioni, anche le donazioni e l’avanzamento dei lavori delle varie iniziative.

CONDIVIDI
Articolo precedentePietra tombale sulle torri eoliche di Fraconalto?
Articolo successivoNei cortili di Vho i ragazzi del Peano recitano Shakespeare