Al via all’Ecomuseo di Cascina Moglioni la XII edizione del Marcarolo Film Festival

Sabato 10 e domenica 11 agosto a Capanne di Marcarolo - Bosio

0
233

Non vi è più alcun dubbio che le problematiche ambientali, siano il risultato di uno sfruttamento  sconsiderato del nostro pianeta. Porvi rimedio è tardi? Può essere, ma almeno bisogna provarci. Lo sta facendo  l’Ecomuseo di Cascina Moglioni che in collaborazione l’Associazione di Promozione Sociale Cambalache e con il Movimento Ambientalista Spontaneo Fridays for Future, organizzano l’XII edizione del Marcarolo Film Festival, manifestazione di cinema nella natura dedicata a tematiche ambientali e socio-antropologiche che si svolgerà sabato 10 e domenica 11 agosto.

Il festival  – come spiegano gli organizzatori – è nato nel 2008 con l’intenzione di promuovere la conoscenza dei territori e delle diverse culture e stimolare una riflessione sulle problematiche ambientali e sulle responsabilità individuali. L’audiovisivo oggi rappresenta uno dei principali strumenti per diffondere in maniera diretta e efficace la cultura ambientale”.

Il programma prevede: sabato 10 agosto, dalle 15 alle 18, il cortometraggio “La vendetta del lupo monco” di Paolo Rossi, fotografo di lupi e già regista di Vacche Ribelli (2017). Il film racconta la storia di un lupo che, nonostante sia stato menomato da una fucilata, per anni insieme al suo branco ha suscitato terrore negli abitanti di una valle dell’Appennino settentrionale . interverrà l’autore. Di seguito relazione dei guardiaparco sulla presenza del lupo nelle Aree protette dell’Appennino Piemontese con proiezione di video-trappolaggi e relazione ‘Uomini, lupi e licantropi’ a cura di Elisa Arecco, collaboratrice dell’Ecomuseo di cascina Moglioni .

Domenica 11 agosto: “The climate limbo” di Elena Brunello, regia di Paolo Caselli e Francesco Ferri. Documentario sulle migrazioni e i mutamenti climatici, promosso dall’Associazione Cambalache e realizzato da Dueotto Film. “Quando discutiamo di migranti spesso dimentichiamo il ruolo che i cambiamenti climatici oggi rivestono nell’innescare le migrazioni umane. È su questo tema che vuole riflettere The Climate Limbo, che racconta le storie di quanti hanno abbandonato le loro terre perché diventate impossibili da vivere, ma anche di tutti quegli agricoltori e allevatori italiani sul cui lavoro influiscono sempre di più i cambiamenti del clima.

E “Green fire” di Stephen Most, regia di Ann e Steve Dunsky
Vincitore di numerosi premi internazionali, il documentario ripercorre il pensiero e le opere di Aldo Leopold, teorico del concetto di etica della terra, oggi considerato il padre dell’ambientalismo scientifico e della moderna Biologia della Conservazione.

I due documentari verranno proiettati a ciclo continuo in due distinte sale dell’Ecomuseo dalle 10.30 alle 17, e dalle 18.30 alle ore 19.45.  Alle 17, si terrà il dibattito a cura di Fridays for Future Alessandria sui temi della crisi ambientale e umanitaria derivante dall’attuale modello di sviluppo.

Info Aree Protette Appennino Piemontese 0143.87725 / 335.6961689

www.areeprotetteappenninopiemontese.it[email protected]