In manette il ladro di computer grazie alla videosorveglianza.

La polizia ha arrestato il novese A.S., autore di dieci furti in negozi e uffici pubblici in meno di tre anni.

0
564

Dopo dieci “colpi”, è finito in manette il ladro di materiale elettronico che aveva preso di mira da anni i negozi e gli uffici di Novi Ligure e Alessandria. A.S., 44 anni, di origini novesi, è stato arrestato l’altro giorno dagli agenti della squadra mobile della polizia alessandrina, che ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Alessandria. L’uomo, secondo quanto diffuso dalla questura, è disoccupato e ha a carico numerosi precedenti penali in materia di reati contro il patrimonio. Le porte del carcere si sono aperte dopo che sono emerse le prove del coinvolgimento di A.S. in una serie di furti avvenuti dall’aprile del 2015 all’ottobre scorso.

In tutte le circostanze, sostiene la questura, “l’indagato, già condannato in passato per fatti analoghi, aveva scelto i propri obiettivi tra gli esercizi commerciali e gli uffici pubblici, forzandone e danneggiandone le porte di accesso durante gli orari di chiusura e andando alla ricerca di denaro contante e materiale tecnologico di elevato valore commerciale (tra cui personal computer, telefoni cellulari, navigatori satellitari e due apparecchiature per la diagnosi dei guasti delle autovetture), per sua stessa ammissione rivenduto, a poca distanza dai fatti, ad incauti acquirenti”. Fondamentali per arrivare all’arresto la collaborazione delle vittime dei furti e la presenza della videosorveglianza nei negozi e negli uffici presi di mira, grazie alla quale è stato possibile scoprire il volto del ladro.