“Save the frogs day”, un giorno per salvare gli anfibi del nostro territorio

Sabato 27 aprile alle 20, a Molini di Fraconalto.

0
527

Capita spesso sulle strade di trovare animali schiacciati dalle auto, una pena infinita, questo capita anche agli anfibi, rane, salamandre, tritoni che tutte le primavere compiono una vera e propria migrazione dai luoghi di svernamento ai siti di riproduzione; durante questo percorso, se incontrano strade o altre interruzioni non naturali lungo il loro cammino, rischiano di non riuscire a portare a termine il loro importante compito di propagazione della specie.

A seconda delle specie il tragitto può essere lungo da alcune centinaia di metri ad alcuni chilometri, come nel caso del rospo comune che compie anche alcuni chilometri per andare a riprodursi. Gli anfibi urodeli – con la coda – come le  salamandre, o i tritoni compiono spostamenti minori, ma anche durante il loro  se pur breve tragitto incontrano ostacoli che interrompono inesorabilmente il loro cammino.

Da dieci anni in tutto il mondo viene celebrato il “Save the frogs day”, appunto, giorno del salvataggio delle rane. L’iniziativa nasce per  raccogliere e coordinare tutte quelle esperienze di salvataggio degli anfibi sparse in moltissimi Paesi del mondo.

Sul nostro territorio l’incontro si  svolgerà sabato 27 aprile  alle 20, a Molini di Fraconalto.  L’evento è organizzato dalle Aree Protette dell’Appennino Piemontese con il supporto dell’Ente di gestione del Parco del Po e dell’Orba,  anche perché, come spiegano i guardiaparco,  il tratto lungo la strada provinciale 160 per il passo della Bocchetta, è particolarmente soggetto agli investimenti di rospo comune e rana temporaria.

Quest’anno, sono stati presi contatti con alcuni volontari di Associazioni che stanno adottando iniziative di sensibilizzazione delle istituzioni locali e stanno predisponendo
iniziative concrete di salvataggio degli anfibi lungo alcune strade.

Per info: guardiaparco Giacomo Gola cell 335.6961784; email
[email protected]