Canti di libertà e di Resistenza sabato al circolo Arci di Variana

L’evento avrà come protagonisti “I passalacqua”, nuova compagnia di canto popolare monferrina. Tutti gli intervenuti potranno cantare “attorno al tavolo”

0
137

Canti di libertà e di Resistenza sabato 19 ottobre, alle 21, nel Circolo Arci di Variana (Grondona). Una serata di canto popolare “in gìu a’a tóa” condotta da “I passalacqua”, nuova compagnia di canto popolare monferrina, che vedrà protagonisti tutti gli intervenuti che parteciperanno collettivamente ai canti “attorno al tavolo”. Sarà un percorso storico canoro popolare che partirà dai canti di protesta di inizio ’900 (“Se otto ore”, del 1906, di rivendicazione delle otto ore lavorative da parte degli operai di fabbrica; “Son cieco e mi vedete”, del 1910, che parla di miseria e di giustizia sociale), proseguirà con canti della Grande guerra (“Oh Gorizia”, che fa riferimento alla battaglia di Gorizia in cui persero la vita 21 mila soldati italiani e 9 mila austriaci; “Era una notte che pioveva”, il lamento di una sentinella costretta a fare la guerra anziché l’amore), del “biennio rosso” (“Fra il ’19, fra l’anno’20”, di protesta nei confronti degli agrari e del governo), dell’avvento del fascismo (“Canta di Matteotti”, che racconta il tragico assassinio nel 1924 del deputato socialista Giacomo Matteotti), della guerra civile spagnola (“Quinto regimiento”, che racconta di un corpo di volontari della seconda repubblica spagnola durante i primi mesi della guerra civile 1936-1939), dell’armistizio di Cassibile e della fuga del re e di Badoglio (“Oh Badoglio”, scritta da alcuni partigiani del cuneese, tra cui Nuto Revelli e Livio Bianco) e infine della Resistenza con un trittico di canzoni partigiane (“Dalle belle città”, scritta alla cascina Grilla dai partigiani del quinto distaccamento della III Brigata Garibaldi “Liguria”; “Fischia il vento”, scritta dal comandante partigiano Felice Cascione sull’aria della canzone popolare russa “Katjuša”; “Bella Ciao”, conosciuta e cantata in tutto il mondo). Una serata per stare insieme, dedicata alla memoria travagliata del nostro paese, per non dimenticare.