La Golf Momperone srl, concessionaria del golf Valcurone di Momperone, a fine anno rischia di perdere la concessione trentennale con la Comunità montana Terre del Giarolo, ente ormai in liquidazione. La società, secondo fonti istituzionali, è in ritardo nei pagamenti dei canoni di affitto. Negli anni scorsi la cifra complessiva, a causa dei ritardi, era arrivata a 720 mila euro e l’allora giunta della Comunità montana si era rivolta al giudice per ottenere l’ingente somma. Ne 2013 era stato quindi avviato un arbitrato come prevedeva il contratto di locazione. Poi, il commissario liquidatore della Terre del Giarolo, Cesare Rossini, aveva estinto parzialmente il credito attraverso la compensazione tra debiti e crediti tra l’ente e la società, facendo scendere la somma a 503 mila euro. Su questa cifra era stato trovato un accordo: pagamento in quattro anni con un importo annuo di circa 120 mila euro che, aggiunto al canone di concessione annuo da 130 mila euro, aveva determinato un debito annuo dal 2016 al 2019 pari a 250 mila euro.

Il golf di Momperone

La difficile situazione sta inoltre rallentando l’assegnazione dell’impianto, aperto nel 2009, all’Unione montana Terre Alte poiché i sindaci sono molto dubbiosi sul prendersi carico di un bene pieno di debiti. “Entro fine anno – dice il sindaco di Momperone, Claudio Penacca – si deve chiudere la partita ma è chiaro che la situazione non è facile. È in corso un confronto che speriamo dia esito positivo”. L’attuale commissario liquidatore della Terre del Giarolo, la dirigente della Regione Raffaella Musso, negli incontri con i sindaci ha ribadito a chiare lettere che se la società titolare del golf non rientra dal debito la concessione decadrà, con le conseguenze che si possono immaginare anche solo per i posti di lavoro della struttura. Dal 2014, con la gestione in capo a Bruno Dellatorre, il campo da golf è frequentato e vengono organizzate gare molto partecipate dagli appassionati di questo sport.