Tenta di togliersi la vita ingerendo 100 pastiglie, i carabinieri la salvano

0
1698
Carabinieri

Nella tarda mattinata di oggi, a Viguzzolo, una donna di 34 anni ha cercato di togliersi la vita ingerendo quelle che sarebbero poi risultate oltre 100 pastiche di vari prodotti medicinali. Subito dopo, forse in un attimo di riacquisita lucidità emotiva, ha  chiamato i Carabinieri di Tortona spiegando ciò che aveva fatto e sottolineando la sua intenzione di farla finita.

Il militare al telefono ha capito la reale gravità della situazione e ha avviato la procedura per localizzare il luogo da cui era partita la chiamata, ha immediatamente inviato all’abitazione della donna i colleghi , con a capo il Comandante, il Maresciallo Maurizio Pasquino, e un equipaggio del Nucleo Radiomobile di pronto intervento, attivando nel contempo il personale medico del “118”.

Giunti presso l’abitazione della donna, che inizialmente si rifiutava di aprire la porta , i Carabinieri sono riusciti  a rassicurarla e a convincerla a farli entrare. Una volta nell’abitazione, i militari si sono resi  immediatamente conto che quanto riferito dalla donna corrispondeva al vero. Sul pavimento, infatti, c’erano ancora le confezioni dei farmaci ormai completamente vuote. Poco dopo, sono arrivati anche i sanitari che hanno  prestato alla giovane le opportune iniziali cure “salvavita”, riuscendo tra l’altro a farle espellere da subito qualche decine delle pillole  ingerite. Trasportata  con ambulanza all’Ospedale di Alessandria, dove la donna è tutt’ora ricoverata,  i medici hanno accertato che aveva ingerito circa un centinaio di pillole, fortunatamente si salverà