Poca acqua e il comune fa un’ordinanza restrittiva

0
962

L’arida estate del 2017 probabilmente sarà ricordata a lungo. La mancanza di pioggia sta prosciugando i corsi d’acqua con ovvie conseguenze. Le evidenti difficoltà di approvvigionamento idrico per il nostro territorio ha indotto l’amministrazione comunale, su richiesta di Gestione Acqua, la società che gestisce l’acquedotto pubblico,  a limitare l’utilizzo dell’acqua potabile e lo fa con un ordinanza già in vigore: «Invitiamo i cittadini ad osservare scrupolosamente quanto contenuto nell’ordinanza ossia a limitare l’uso dell’acqua potabile distribuita dal pubblico acquedotto solo per fini alimentari e igienico-sanitari – dice l’Assessore Davide Fara – l’acqua è sempre bene comune e prezioso ma in questi particolari momenti occorre fare ancora più attenzione all’uso e agli sprechi per evitare di andare incontro a crisi idriche che richiederebbero provvedimenti ulteriormente restrittivi».

L’utilizzo dell’acqua, seppur usata con parsimonia, è consentito agli allevamenti zootecnici, alle attività commerciali e di servizio, nonché a tutte le attività autorizzate per le quali necessiti l’uso di acqua potabile.