A Castenuovo Scrivia si ricorda la Shoah con lo spettacolo “Passati per un camino”

Parole e musica con Gianni Repetto e Roberto Paravagna

0
184
Gianni Repetto e Roberto Paravagna

Per commemorare la Giornata della Memoria, venerdì 24 gennaio, alle 21, in sala Pessini a Castenuovo Scrivia, l’Anpi in collaborazione con il Comune propone lo spettacolo “Passati per un camino”, Terrore e persecuzione degli Ebrei, degli oppositori politici e religiosi, degli omosessuali e degli handicappati fisici e mentali, con Gianni Repetto e Roberto Paravagna.

giornata-della-memoria-696x525Lo spettacolo è il racconto toccante delle vicissitudini dei “gruppi bersaglio” nella Germania hitleriana fino al dramma epocale del genocidio degli Ebrei. Si sviluppa tramite memorie dei protagonisti, brani di letteratura e canzoni popolari.

Si parlerà dell’odissea del poeta Erich Mühsam, anarchico e omosessuale, “suicidato” nel lager nazista di Oranienburg, del gesuita padre Josef Spieker, primo prete cattolico a essere deportato in un campo di concentramento nazista, dei testimoni di Geova, che rifiutarono qualsiasi compromesso con il regime hitleriano, della liquidazione delle comunità Sinti e Rom come “asociali, della famigerata Aktion T 4 che  pose fine alla vita di 70.273 portatori di handicap classificati come persone “indegne di vivere”, e del genocidio degli Ebrei d’Europa.

Lo spettacolo alterna dialoghi, letture, canzoni e voci fuori campo riportando lo spettatore al clima di angoscia che subirono i perseguitati dal nazismo, affinché nessuno possa dimenticare. Interpreti: Roberto Paravagna – canzoni e dialoghi    Gianni Repetto – letture e dialoghi.

A fine spettacolo, via internet, ascolteremo un breve messaggio diretto inviato da Liliana Segre.

Modificato in forma più adatta alla loro età, lo spettacolo verrà offerto nei giorni successivi anche agli alunni delle Scuola media Boxilio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSerravalle Scrivia. Una “Serata d’autore” con Claudio Ciarlo
Articolo successivoArquata Scrivia. Al Teatro della Juta le favole del territorio secondo Walter Fochesato