Il giovane Giacobbe torna sul ring

Già campione regionale, ritorna in attività dopo un periodo di stop

0
842

Il giovane pugile ovadese Daniel Giacobbe, ex campione regionale Youth esordienti, torna a combattere

Dopo il periodo di stop dello scorso campionato dovuto a problemi di salute il pugile ovadese Daniel Giacobbe torna a combattere sul ring. Giacobbe è il più giovane della Boxe Ovada ad avere raggiunto la categoria elite in 30 anni di attività della palestra. Gareggia nella categoria dei dei 64kg che va da 61 a 65kg.

“Il mio primo combattimento – ci racconta Giacobbe – è stato a Torino. Ho vinto per KO. È stata un’emozione unica. Non sentivo pressioni o paura ma tantissima carica agonistica e tantissima voglia di vincere. Per me quella volta vincere era tutto: mi ero allenato come un pazzo per quel combattimento ed ero pronto. Appena è suonato il gong della prima ripresa è stato come se i primi 5 secondi fossero andati a rallentatore ed è stata un’emozione più unica che rara che ho sentito solo in quella occasione e per questo il primo combattimento mi è rimasto nel cuore! Tutte le voci erano sparite nonostante ci fossero tantissime persone a vedere l’incontro. Ho fatto del mio meglio ed ho vinto prima del limite”.

Daniel, nonostante abbia solo 20 anni, ha le idee chiare. “I miei obbiettivi per il futuro – continua il giovane pugile – sono quelli del professionismo che ormai non è più un futuro tanto lontano. Diciamo che mi voglio togliere qualche sasso dalla scarpa e so di avere le carte in tavola per riuscirci. Devo solo crederci e continuare ad allenarmi sodo come ho sempre fatto cercando sempre di superare i miei limiti”. Per farlo è disposto anche a trasferirsi all’estero. “Io seguirò la mia strada – prosegue – come meglio penso che sia e cercherò di sfruttare al meglio le mie opportunità”.

“Il mio sogno – conclude l’atleta – è quello di essere ricordato nei tempi come persona e come pugile ed ovviamente come ogni pugile che si rispetti di arrivare ai livelli più alti ovvero il mondiale”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl “Lotra” racconta la (breve) storia della Gavinovese.
Articolo successivoBasket Serravalle: vittoria in rimonta e primato conservato